Wednesday, June 21, 2017

Final Goodbye to my Adored Father Dolfi - Ultimo Saluto al mio Adorato Papa' Dolfi

unnamed.jpg

"Un uomo senza interessi e' come un albero senza foglie".
(A man without interests is like a tree without leaves)
Torino, 9 Marzo 2017

I thought I could understand the pain people felt when they lost a dear family person; I always said that I felt close to them and that they had to find the strength and courage to forget, because life continues. But today I'm the one to lose, ... it has happened to me. I lost a dad I worshiped and who loved me, the hero who inspired the important decisions of my life, an unforgettable father. Yes, him. He's gone now. What is left and will remain of his life?

Adolfo Dente, Dolfi for his friends, devoted his whole life to me, to my mom Ada, to his work and to his hobbies: the passion for architecture, art, Egypt, mountaineering and the art of conjuring tricks or "prestidigitation", as he used to call it. But what do these art forms are to me now without my father? They are so many teachings, many wonderful memories: mountain lodges and all types of buildings designed and constructed by him, creative pop-up cards, modern sculptures, caricatures sketched on paper napkins, which many strangers have made him autograph, meetings with artists who introduced me to the world of art, entertainment and magic, fascinating explanations about the lines of composition in famous paintings, which started for me and continued for the visitors joining us. And then the conferences on Egypt, the magic shows to bring a smile on the faces of the sick and disabled people, delicate and colorful stage backgrounds hand-painted  by him, flowerbeds that used to appear out of nowhere, the hours spent with friends talking about puzzles, mathematical games and finding answers to tricky questions of physics and philosophy. These are moments I cannot live with him again. 

Behind the scenes there was always my mother Ada, who quietly helped my dad, with unconditional love, in all that he was trying to do and that has cared for him with so much affection and dedication to his last breath. To her, I say, "Thank you, mom, for having been and still to be there for us. Get inspired by him; get out of the house and let curiosity and creativity guide you as they guided dad".

Dolfi was a unique father for his creativity but also for his humanity, generosity and sensitivity - he always felt or knew whether someone or something would do me good or bad and he often said it with tears in his eyes. In almost all cases, he was right.

He was an old gentleman, of those who no longer exist today, always dressed with a dark color jacket, black beret basque, white shirt and a sleek "farfallino" (scarf) or bow tie. He had the ability to be loved by all, rich and poor, educated and illiterate, authorities and street people. His speeches ranged from Senofonte's quotations in ancient Greek with a group of intellectuals to the street talk in Piedmontese with the dude at the gas station! Even a sparrow fell in love with him and became his faithful friend; When my father returned home, the bird used to fly over his shoulder and hide himself under his scarf. Even though sometimes he was turning into fire like a match, as dear friend Don Amedeo used to say, if someone offended his values, my father was always ready to state his opinion on the matter, regardless of how uncomfortable that was. He was always ready to help and advise anyone asking for his help. He was a "mentor" for most of his friends and had many admirers among all social classes. He did not know how to lie and who loved him did not stop talking about him. My mom still receives calls from people who knew Dolfi as a young man and who still look for him, ask for his news and say they love him.

After months of illness, pain and anguish, my dad waited to extinguish, like a candle, the day of my arrival in Italy from Boston. Papa', I am glad I left Boston last November and came to Turin alone to see you. I was lucky to be able to see you, hug you, make you draw and help you smile during that difficult time of your life before Christmas. I spent two wonderful weeks with you. 

I remember my dad saying "a man without interests is like a tree without leaves". I think my dad fought until the very end of his life to keep his leaves on. He was forced to let them fall at the end of 2016 and this was very painful for all of us. 

And now I'll leave you with a few words taken from a book my father dedicated to me, on the abnormal episodes of his life:
"1945 ... The war has finally ended. After almost three years of "evacuation", of hunger, of tragedies, I go back to Turin. I see my house miraculously intact, my apartment in order, the smile on the face of my mom and dad, which I had forgotten. The streets, dark and scary, are now illuminated by day ... but I see hundreds of collapsed buildings, rubble everywhere, despair. Dad's offices are gone, all completely destroyed! ... Dad's work in the editorial field must start all over again ... A phone call from Padre Fedele - vice parish priest of "San Carlo" comes to me. He proposes to me to go to Courmayeur with him ... At dawn, bound with ropes ... we start climbing to the tip. Great day, we are ... in Heaven! "

Now I'm sure my dad has reached the goal. I'm proud and lucky to have had a father so special, ingenious and with sensitivity to the feelings of others above the norm. I still feel he is alive and I will always keep his memory in my heart.  

I would be immensely grateful if you could write your memories of my father Dolfi, if you have any, in the comments section below, just something he told you or a gesture he made which you remember. Please help me keep his memory alive. 

Thanks from the heart, Enrica

********************************* 


Pensavo di capire il dolore che provava qualcuno quando aveva perso una persona cara; dicevo sempre di sentirmi vicina e che doveva trovare la forza ed il coraggio di dimenticare, perché la vita continua. Ma oggi sono io qui ad aver perso,... e’ successo a me. Ho perso un papa’ che adoravo e che mi adorava, l’eroe che ha ispirato le scelte importanti della mia vita, un papa’ indimenticabile, proprio lui. Lui ora non c’e’ piu’. Che cosa resterà di lui?

Adolfo Dente, Dolfi per gli amici, ha dedicato la sua intera vita a me, a mamma Ada, al lavoro e ai suoi hobby: la passione per l’architettura, l’arte, l’Egitto, l’alpinismo e la prestidigitazione. Ma che cosa rappresentano per me ora queste discipline senza papa’? Sono tanti insegnamenti, tanti ricordi vivissimi, meravigliosi: casette di montagna ed edifici di tutti i tipi disegnati a mano, progettati e costruiti, biglietti d’auguri creativi, sculture moderne, caricature schizzate anche su tovaglioli di carta, che molti sconosciuti gli hanno fatto autografare, incontri con artisti che mi ha fatto conoscere nel mondo dell’arte, dello spettacolo e della magia, affascinanti spiegazioni sulle linee di composizione nei quadri, che iniziavano per me e continuavano per i visitatori che si avvicinavano. E poi le conferenze sull’Egitto, gli spettacoli di magia per accendere il sorriso sul volto di malati e persone con handicap, le scenografie dipinte a mano da lui, aiuole di fiori che apparivano dal nulla, le ore trascorse con gli amici a parlare di rompicapi, giochi matematici e a rispondere a domande di fisica e di filosofia. Sono momenti che non potrò più rivivere con lui. Dietro le quinte c’era sempre mia mamma Ada, che aiutava in silenzio mio papà, con amore sconfinato, in tutto quello che cercava di fare e che lo ha accudito con tanto affetto e dedizione fino all’ultimo respiro. A lei dico: “Grazie mamma per esserci stata e per esserci ancora. Continua la tua vita facendoti ispirare da lui; esci di casa e fatti guidare dalla curiosità e dalla creatività come faceva papà”.

Era un papà unico per la sua creatività ma anche per la sua umanità, generosità e sensibilità - lui sentiva e sapeva sempre se qualcuno o qualcosa mi avrebbe fatto del bene o del male e me lo diceva commosso, spesso con le lacrime agli occhi. E in quasi tutti i casi, aveva ragione.

Era un gentiluomo all’antica, di quelli che non esistono più ai giorni nostri, sempre vestito con una giacca scura, il basco in testa,la camicia bianca ed un farfallinoAveva la capacità di farsi amare da tutti, ricchi e poveri, colti e analfabeti, autorità e persone della strada. Passava dalle citazioni di Senofonte in greco antico con un gruppo di intellettuali alle chiacchiere di strada in piemontese con il benzinaio! Persino un passerotto si innamorò di lui e diventò suo fedele amico; al suo rientro a casa volava sulla sua spalla e si nascondeva sotto la sua sciarpetta. Anche se a volte si accendeva come un fiammifero, come diceva il caro amico Don Amedeo, se qualcuno offendeva i suoi valori, mio padre diceva sempre quello che pensava, sempre pronto ad aiutare e a consigliare chiunque glielo chiedesse. Era un “mentor” (guida) per la maggior parte dei suoi amici ed aveva tanti ammiratori. Non sapeva mentire e chi lo amava non smetteva di parlare di lui.  Mamma riceve ancora telefonate di persone che papà ha conosciuto da giovane e che ancora lo cercano, chiedono sue notizie e dicono di volergli molto bene.

Dopo mesi di malattia, dolore e angoscia, Adolfo ha aspettato di spegnersi, come una candela, il giorno del mio arrivo in Italia da Boston. Papa’. sono stata fortunata di poterti ancora rivedere, riabbracciare, farti disegnare e aiutarti a sorridere a Natale. Sono state due settimane meravigliose.


Mi ricordo che mio padre diceva "un uomo senza interessi e' come un albero senza foglie". Credo che mio padre abbia combattuto fino alla fine della sua vita per tenere su le sue foglie. Fu forzato a lasciarle cadere alla fine del 2016 e questo e' stato molto doloroso per tutti noi. 

Ed ora alcune parole scritte da papa’ in un libro a me dedicato, sugli episodi anomali della sua vita.

“1945… La guerra finalmente si e’ conclusa. Dopo quasi tre anni di “sfollamento” - di fame, di tragedie, torno a Torino. Rivedo la mia casa miracolosamente intatta, il mio appartamento in ordine, il sorriso sul viso di Papà e Mamma, che avevo ormai dimenticato. Le strade, prima buie, paurose, ora sono illuminate a giorno… però centinaia di edifici crollati, macerie ovunque, disperazione. Gli uffici di Papa’ non ci sono più, tutto completamente distrutto!... Il lavoro di Papà, in campo editoriale, deve ricominciare da capo... Mi giunge poi una telefonata di Padre Fedele - vice parroco di “San Carlo” che mi propone di partire alla volta di Courmayeur con lui… All’alba, legati in cordata... iniziamo la scalata fino alla punta. Giornata stupenda, siamo… in Paradiso!”

Adesso io sono certa che papà ha raggiunto la meta. Mi sento orgogliosa e fortunata di avere avuto un papa’ così speciale, ingegnoso e super-sensibile. Lo sento ancora vivo e sempre resterà nel mio cuore.  Ma adesso che non c'è più, non rimangono che ricordi, i nostri ed i vostri. 

Vi sarei immensamente grata se mi poteste inviare i vostri ricordi di Dolfy, qualcosa che vi ha detto o un gesto che ha fatto che vi è rimasto impresso nella mente, qualsiasi ricordo. In questo modo, mi aiuterete a scrivere altre pagine sulla sua unicità e a tenere vivo il suo ricordo.

Grazie di cuore, Enrica

2 comments:

  1. “Lui e la sua mamma erano persone meravigliose, dolcissime. Mi ricordo quando andavo a trovarli da giovane, loro mi davano il cane ed io lo portavo a spasso per un’ora e due e poi glielo riportavo. Era speciale”

    Marina Guiot, Pragelato

    “Mi ricordo quando lui andava dai suoi clienti per il suo lavoro ed io lo seguivo, poi si fermava e chiaccheravamo. Era come uno zio!”

    Ferruccio, Pragelato

    “Ma no, e’ morto Dolfi ma perche’?” Marco Berry


    “Mi avvicinai a tuo papà durante il mio periodo di tesi perché fui messo in contatto con lei da Rita Diani, architetto di Voghera o già di lì, che vive a Champoluc, moglie di Fabrizio Gerardin, anche lui architetto valdostano.
    Lo andai a trovare credo nel 1986 e mi fece vedere per la prima volta i disegni di Mollino (inediti e bellissimi) chiedendomi discrezione e attenzione. In seguito ho pubblicato parecchi di questi disegni su varie riviste (Gran Bazaar, Domus, Ottagono, ecc.) sempre mettendo la dicitura Collezione privata AD Milano.
    Ho continuato a frequentare il papà per le nostre passioni comuni (Mollino ed architetture alpine) per anni e ogni tanto venivo a casa vostra per vedere altri disegni. Mi diede alcune fotocopie che ho conservato gelosamente. NON mi sono mai approfittato di questo materiale MAI. Ho sempre rispettato la sua cautela e il suo amore per Mollino. Lui Mollino lo amava tantissimo. Amava anche molto l’architetto francese Henry Jacques Le Même, della Savoia (Grenoble), specialista in architettura alpina.
    Mi ricordo anche della sua passione per l’Istituto di Architettura Montana, di cui facevano parte grandi architetti (Mollino, Cereghini , Roggero, Muzio ed altri) di cui fece il segretario , credo, nell’edizione del 1956. Questi architetti si riunivano a Bardonecchia e discutevano di architettura alpina e sciavano (e si divertivano anche!).
    Mi ricordo poi dell’architetto Angelo Novaresio, anche lui laureando su Mollino, come me”.
    Mi ricordo anche:
    il suo progetto di un’agenzia di viaggi a Torino “Mistral” con “l’insegna che cambiava colore”
    il suo progetto di una casa a Nus (pubblicato su un mio libro)
    Il suo progetto di una rascard a Champoluc (Rascard Balzola, pubblicato su un mio libro).
    La visita di Sgarbi a casa vostra (di notte!) per vedere il materiale su Mollino.

    Luciano Bolzoni

    “Ho trascorso la mia infanzia a Lanzo Torinese. Le scorribande in bicicletta erano all’ordine del giorno in quella fine degli anni cinquanta. Ogni tanto mi “spingevo” fino a Mathi Canavese e mi fermavo al bordo dello stradone per ammirare una piccola villetta con giardino che mi incantava. Era una costruzione solare, moderna, con linee linde e con qualcosa che la rendeva diversa da tutte le altre case, anche quelle che volevano farsi vedere come portatrici del nuovo che, come si sa, piace molto ai giovani. Quel piccolo edificio mi sembrava perfetto, allegro di colori come la “Casetta in Canadà” celebrata da una famosa canzone di quei tempi e immaginavo che ci vivesse la più felice coppia del mondo. Naturalmente era il castello in aria che sognavo per il mio futuro. Avrei dato chissà cosa per poter entrare a vedere quel nido di cui non sapevo immaginare l’interno. A volte macchinavo di spacciarmi per giornalista interessato all’architettura, il che mi avrebbe finalmente consentito l’accesso all’intimità del luogo.
    Molti, purtroppo veramente molti, anni più tardi conobbi Dolfi per la comune passione al lavoro di Carlo Mollino e tra una chiacchiera e l’altra scoprimmo che l’autore di quel piccolo gioiello di architettura e amore era proprio lui”.

    Fulvio (Ferrari)

    ReplyDelete
  2. Enrica, we will never forget your father, Dolfi, or your family. After our daughter Amy and you had been pen pals for a few years, our family was able to visit yours in Torino in 1987, and what a memorable trip that was for us! Dolfi and you picked us up at the Milan airport in your Fiat, and we Americans each had large suitcases with us. Only one suitcase fit into the trunk, so the five of us were packed into the small car, with the rest of our luggage standing on our laps. It was a rainy day, and as we drove back to Torino, the windshield kept fogging up, so Dolfi kept wiping at it, saying “Mama mia, Mama mia!” During our visit, we got a good introduction to Dolfi’s interests, which he generously shared with us. Enrica, do you remember performing magic for us with your father in your downstairs extra room? And we visited the Egyptian museum with Dolfi as our expert guide. Of course, we spoke no Italian, but managed with your help, Enrica, and one of your friends who was more familiar with English (as well as our Italian/English dictionary.) Dolfi was such a proud father, Enrica, showing us many photos of you when you were younger and as you grew up. The generosity of your family in providing wonderful meals, a nearby hotel room for me and Dean, and the tours of so much that Torino is famous for made it a fun and educational trip for us. We will never forget Dolfi, Ada, and you, Enrica.

    Dean & Sue Davison & Amy

    ReplyDelete